• Tela su tela - Intermediari d'arte

Contento Mariapia Tela su tela - Intermediari d'arte

artista Contento Mariapia
Contento Mariapia

Maria Pia Contento è nata a Trieste il 12/11/1942, vive ed opera a Udine.
Diplomata al Liceo Classico Stellini
Domiciliata in Viale Venezia 506 – 33100 Udine-Italia Tel 0039 0432 / 530923 - 562665, residente a Salerno
e-mail: contento@contentotrade.com,
Sito Internet: http://www.mpcontento.contentotrade.net/
Le sue opere sono in presenti in collezioni pubbliche e private. In permanenza presso: Artitalia - Milano
Club del collezionista - Milano
Centro San Matteo – Genova
Hanno scritto di Lei molti critici, tra i nomi più importanti citiamo:
Dino Menechini - Carlo Milich -P.A. di Martino - Laura Stavole - Mariano Izzo -Walter Campani -G.B. Stephane Rey - Antonio Coppola - ecc.
MOSTRE PERSONALI
Galleria d’arte Palazzo Doria Genova -1982
Palazzo Manifestazioni Salsomaggiore -1982 Galleria alla Corsia Stadion Trieste -1983
Palazzo Manifestazioni Salsomaggiore Terme -1984 Galleria La Mandrangore Internazionale Parigi -1984 Off Art Udine -1986
Galleria L’Incontro Rovigo -1986 Galleria La Tavolozza Lecce -1988
   
Galleria La Telaccia Torino -1988
Galerie Salammbo, Parigi, aprile 1988
Galleria La Contemporanea Genova, 1989
c/o Associazione Siciliana Lettere e arti a Palermo -1992
c/o Fogolar Furlan Roma -1994
c/o Fondazione Xante Battglia, Milano 1995
c/o Studio Logos Roma 2001
Palazzo Pignatelli, Roma, Novembre 2006
Maria Pia Contento. I decelebrati, Il Trittico Arte Contemporanea, Roma, 8-20 maggio 2009, Gli Sfilacci di Maria Pia Contento, Il Trittico Arte Contemporanea, Roma, 26 giugno – 10 luglio 2010
Galleria Il Collezionista Roma, Febbraio - Marzo – 2015
Galleria "Sant' Isaia" di Cristiano Zanarini - 27 giugno - 16 luglio 2015
Giglio Bagnara Gallery, Genova, 22 ottobre - 30 novembre 2015
PARTECIPAZIONI A PREMI E MOSTRE COLLETTIVE
II° Ed.”Artisti Italiani davanti al mondo”- Torbole sul Garda 1981 II° Ed.premio “Essere e divenire”- Milano 1981
Pri European Paris- Parigi 1981
Premio in “Porta Leoni”- Reggio Calabria 1981
Biennale Città di Mandorlo- Agrigento 1981
Grand prix Cote D’Azur -Sanremo 1981
III°Mostra Internazionale - Manciano 1981
II°Concorso “Costa Verde-Castellaneta Marina 1981
I°Mostra Int.”Beato Egidio da Taranto” - Taranto 1981
I°Rassegna premio “Vita,pittura, scultura, grafica – Sever - Milano 1981 Biennale arcobaleno d’oro - S.ta Margherita Ligure 1982
Rassegna Leonardo da Vinci - Alba 1982
Premio d’arte “Martines di Cannes” - Genova 1983
Parigi Artistica - Parigi 1983
III°Biennale d’arte Città di La Spezia - La Spezia 1983
Trofeo d’europa (Elite) - Milano 1984
Premio Nuova Era di Todi - Todi 1984
Mostra d’arte Manciano- Manciano 1984
Arte expo (III°ed.) - Brescia 1984
Premio Italia - Accademia Calvatone 1985
Gran premio belle arti - Fidenza 1986
Premio Portus Venere- La Spezia 1986
Premio Maestri del Colore - Fidenza 1986
Premio Lauro d’oro - Calvatone 1987
Biennale”Omaggio al Caravaggio” c/o Museo Mystique - Malta 1988

Concorso Int. Madre Universale - Ronchi di Gallarate 1988 Mostra collettiva “Centro Storico” - Firenze 1988
Arte nei comuni d’Italia - 1988
Premio Italia Beato Angelico -1988
Premio Città di La Spezia - La spezia 1988
Premio Europa Cultura -1988
Mostra collettica c/o Galleria Modigliani - Milano 1989
Premio Castel Maggiore - Castel Maggiore 1989
Premio arte e Cultura -1989
Premio Sud & Morte - Potenza1989
Mostra collettiva Interarte 90 - Valencia 1990
Mostra collettiva Biaf 90 - Barcellona 1990
XXII Mostra Internazionale d’arte”S.Giovanni Bono” - Cesena 1990
Premio Primavera Galleria Eustachi - Milano 1991
Premio Primavera Club degli artisti - Foggia 1991
Art Jonction International - Nizza 1991
XIV Biennale Nazionale d’Arte Sacra- S. Mariala Bruna 1991
XXIII Mostra Internazionale d’Arte - Palermo 1991
Concorso Pittura I° Edizione “Il Burlamacco” - carnevale di Viareggio 1992 Premio Primavera 92 club degli Artisti - Foggia 1992
Artistas Internacionales Barcelona - Barcellona 1992
Gran Galà d’Arte Moderna - Milano 1992
Gran galà d’arte moderna - Pompei 1992
III Ed. “Esposizione Internazionale Artisti Contemporanei”- Firenze 1992
I Biennale Pittura e Scultura c/o Athena - Catania 1993
Selezione Premio Italia 94- 1993
Mostra Internazionale Arte c/o Allegriart - Firenze 1994
Museo Mystique Mostra Internazionale collettiva - Malta 1994
Mostra collettiva “Sassi di Matera” - Matera 1994
Mostra Colletiva c/o Casino Bahia de Cadiz - Spagna 1994
I Biennale Nazionale d’Arte Città di Catania 1994
Mostra Collettiva Hotel Perla - Lugano 1994
XVIII Biennale d’Arte Sacra S. Mariala Bruna 1995
Mostra collettiva a Parigi ed a Chantilly (Centro culturale Les Fontaines) 1995 Mostra collettiva c/o Galleria Tiepolo Udine 1995
Galleria Modigliani Milano 1995
Stand personale Arte a Pordenone - Pordenone 1996
Arte a Padova - Padova 1996
28° Premio Primavera Club degli artisti - Foggia 1996
18°Biennale Naz. D'Arte Sacra Tematica - Napoli 1997
2°Biennale d'Arte Internazionale di Roma - 1997
Premio Italia XII Edizione - Firenze 1997

3° Edizione "L'arte contemporanea nelle antiche dimore" 1998
Club degli Artisti Foggia "Premio Primavera" 1999
L'arte Contemporanea nelle antiche dimore L'Aquila 7° edizione 1999
L'arte Contemporanea nelle antiche dimore Verona 9° edizione1999
L’arte Contemporanea nelle antiche dimore Roma edizione 2000
35° Premio Primavera, Mostra nazionale di pittura e Bianco e Nero, Foggia 2003
5° Biennale d’Arte Internazionale Sale del Bramante- Roma, 17-26 Gennaio 2004
36° Premio Primavera, Mostra nazionale di pittura e Bianco e Nero, Foggia, 2004
6° Biennale d’Arte Internazionale Sale del Bramante- Roma, 17-26 Gennaio 2006
Arte Reale - L'uomo, Musa dell'Arte femminile – Roma, 21 Giugno - 5 Luglio 2007
7° Biennale d’Arte Internazionale Sale del Bramante- Roma, 17-26 Gennaio 2008
20°Edizione “Premio Primavera” – Centro Internazionale Artisti Contemporanei - Roma, Maggio 2008
Galleria Spazio surreale – Artisti italiani e brasiliani, Roma, Gennaio 2009
8° Biennale d’Arte Internazionale Sale del Bramante- Roma, 17-26 Gennaio 2010 Interscambio cultural Italia – Brasile, Mostra presso Sede del Parlamento dello Stato di S. Paolo, 2010
22°Edizione “Premio Primavera” – Club degli Artisti – Foggia, 19 Giugno 2010
9° Biennale d’Arte Internazionale Sale del Bramante- Roma, 17-26 Gennaio 2012
Premio Primavera, Centro Internazionale Artisti Contemporanei – Roma, 04giugno 2012
XXV Edizione Premio Primavera, Galleria L’Agostiniana, Roma, 28 maggio – 8 giugno 2012
44° Premio Primavera, Mostra nazionale di pittura e Bianco e Nero, Foggia, 16-25 giugno 2012 “Incontri d’arte”, Villa Benzi Zecchini, Caerano di San Marco, 29 maggio – 17 giugno 2012 Free Space, La Galleria Wikiarte, Bologna, 17-31 luglio 2012
Galleria Wikiarte, Mostra “E=mc2”, Bologna, 28 - 13 settembre 2012
EncuentrosCulturales, Madrid, Spagna. 17-30 ottobre 2012
Lecce: XIIa edizione premio "Salento Porta d'Oriente", Italia In Arte - 15 dicembre 2012, Galleria Wikiarte, Mostra “Oltre”, 27 aprile - 9 maggio 2013,
45° Premio Primavera, Club degli artisti, Foggia, 2013,
"PROGETTO ARTEMISIA 2013", Piedimulera (VB),18 maggio - 2 giugno2013
Agosto in Arte -ARTtime Udine- 16 - 30 agosto 2013
Olbia – Museo Archeologico - Mostra collettiva di opere di artisti emergenti della Artemisia International Gallery - 14 - 21 settembre 2013
Arte al femminile - Lago d'Orta - 02 - 25 ottobre 2013
(Self)Portraits – La casa delle Culture del Mondo, Milano – 24 maggio – 15 giugno 2014 Carosello di colori,Varaggio Art, Varazze - 6-13 settembre 2014
Linee artistiche a confronto,Galleria a'Arte ANACAPRI, Isola di Capri, 20 - 29 settembre 2014 La galleria Pall Mall, Londra, 7-13 dicembre 2014
2°Biennale d’Arte Internazionale di Palermo 11-25 gennaio 2015
“Luci, colori e forme del terzo millennio”, Isola di Capri, 19-28 settembre 2015
XI Biennale d'arte internazionale di Roma, 16-25 gennaio 2016

Rinascenza contemporanea - Le vie dell’Es. L’istintivismo creativo, Pescara, marzo – maggio 2016
WBA - Women Art Bra – Biennale della creatività al femminile – Bra, maggio, giugno 2016 ARTE Iubilaeum – Roma, 19-26 maggio 2016
Galleria d’Arte Elle - Gennaio – Preganziol, Treviso, febbraio 2017
PromoArte, Galleria San Vidal – L’arte tra maschere e colori del Carnevale – Venezia, febbraio 2017
Premio Internazionale Arte Milano - luglio 2017
RICONOSCIMENTI
Titolo Accademico Benemerito per la pittura accademia toscana “Il Macchiavelli“- 1981; Nominata dall’Unione artisti italiani Gran Colare d’oro - 1981;
Conferita alta onorificenza “Dio Pan”, Nomina Maestra Accademico (Accademia Bedriacense CR);
Nomina di grande accademia delle arti ed assegnazione croce al merito di grande accademico- 1986;
Titolo Honoris Causa di Dottore in arte dell’Universidad Interamericana de ciencias humanisticas- 1986;
Nominata membro accademico del Dioscuro Capitolino- 1988; Membro Asla- 1988; Internazionale Dioscuro; Iscritta all’albo proffessionale Nazionale tessera n°05-1990; Accademico associato del Verbano - 1994;
Socio ordinario del Museo delle arti di Busto Arsizio - 1995;
Nomina onorifica “Pioniere della Cultura Europea”con iscrizione all’albo dell’Unione Pionieri - 1996.
Nomina onorifica di “Cavaliere Accademico” presso ordine accademico internazionale “Greci-Marino” 1998;
Premio Speciale Artista nella Storia. Omaggio al 150° Anniversario dell’Inità d’Italia – 2012 Lecce: XII edizione premio "Salento Porta d'Oriente", Italia In Arte - 15 dicembre 2012 Monreale, Premio Guglielmo II, Effetto Arte – 21 Marzo 2015
BIBLIOGRAFIA
L’Artista,durante la sua carriera, è stata inserita in numerosi annuari specialistici e libri d’arte,tra cui citiamo a titolo di esempio gli ultimi inserimenti:
Cidac editore- Annuario artisti contemporanei dal 1990 al 1995
Jdlr - (Svizzera) Contemporaryartists1994-95
Who’swho ininternationali art- Losanna edizione 1994-95
Antologia televisiva ”I contemporanei della Comunità Europea”1994 Gelmi edizioni d’arte - Catalogo d’arte Gelmi dal 1990 al 96 Annuario d’arte moderna Acca 1994
Vincenzo Ursini editore 1995
Edizione d’arte Palazzo Bandera 1989-96

Rivista arte Mondadori mese luglio inserita nei Grandi artisti contemporanei 1996 Europa in arte - edizioni Ecom 1996
Catalogo d’arte Bolaffi edito Mondadori 1997
Catalogo d’arte Bolaffi edito Mondadori 1998
Maria Pia Contento, Logos edizioni d’arte, 2001
Realtà e fantasia – Enciclopedia dell’arte a cura di Tina Piccolo - Carello editore, 2003 Europa in arte, edizione Ecom editoria specializzata, 2004
Le vibrazioni emotive di Maria Pia Contento – di Fulvio Castellani, Moro editore, 2003 Catalogo Europa in Arte 2012-2013, Platinum Collection, 2013
Catalogo Internazionale “I Segnalati” di Salvatore Russo, 2013
Catalogo 2a Biennale Internazionale d’Arte di Palermo, EA Editore,2014
Grandi dell'Arte: effetto arte collection, EA Editore, 2014
OverArt, Numero 6, EA Editore, 2014
Effetto Arte, Numero 3, 5, EA Editore, 2014
International Guide for Collectors 2015, Associazione Internazionale Galleria “il Collezionista” Arte States – General artworks catalog, EA Editore, 2016
CRITICHE
DINO MENICHINI
“....Del nudo femminile nell’arte di ogni tempo e paese sono state curate persino antologie librarie, e trascurando come assurda (ma è poi tale?) l’argomentazione che si sia voluta operare una concessione discutibile anzi deprecabile gusto del”piccante“ così tipico dei nostro giorni, -è da dire che la proposta dei raffronti, dalla classicità all’impressionismo e alle nuove tendenze, ha tutte,le carte in regola per rivelarsi stimolante a tutti coloro i quali considerano questo “genere” come uno dei più ardui e controversi nella lunga e talora non facilmente districabile storia della pittura (o,allargando il cerchio dell’orizzonte d’indagine delle arti figurative).
Quale significato può dunque avere il fatto che Maria Pia contento -una pittrice che proviene dagli studi classici, e dunquericca di informazioni culturali,anche a non voler tenere conto delle esigenze di aggiornamento che appartengono alla sua personale “historie de l’ame”- accentri il proprio interesse artistico sul nudo femminile? Il significato più ovvio potrebbe rintracciarsi nella considerazione che in pittura - così come in ogni altra espressione artistica: dalla narrativa alla musica, dalla poesia all’architettura- tutto è ancora da dire perché tutto è già stato detto ma ci lascia perplessi e insoddisfatti appartenendo al passato: l’arte è sempre intuizione e anticipazione del futuro, e il suo altissimo prezzo è una inesauribile corsa ad opporre una diga al tempo, con il risultato ineluttabile della sconfitta. Ma è questo (o soltanto questo) il significato dell’operazione artistica di Maria Pia contento?Che la sua operazione voglia andare oltre, è indicato dall’impostazione dei modelli: nessuna concessione al “bello nell’accezione convenzionale (tacitamente quanto scioccamente codificata) del termine, ma piuttosto la ricerca -saremmo tentati di definire plastica- delle linee e, più ancora, dei volumi e del posto (e del peso) che essi occupano nello spazio; nessuna concessione al colore, comodo equivoco aperto a tutte le risorse e a

tutti i contrabbandi di un’abilità che può sconfinare nel “mestiere”, ma piuttosto un’essenzialità di impasti che rasenta l’assenza cromatica e la evita per la profondità dei grigi e per il nitore dei bianchicci in Lei, in Maria Pia Contento, hanno un’importanza dei più accesi e squillanti colori.
Ecco a quanti amano la discettazioni sulla tecnica del dipingere, basterebbe porre l’insidiosa domanda del valore da attribuire alle scale cromatiche (o, se si preferisca, alle cadenze e alle scansioni del colore) oltre a quello disarmante della intuizione o del calco- prossimo o remoto che sia, scoperto o camuffato che sia - di modelli risaputi o consacrati. Dinanzi ai quadri della contento,ogni discorso di questo genere si rivela inconsistente, addirittura gratuito: qui infatti,non si tratta di stabilire se e fin dove sia accettabile l’equazione bianco e grigio uguale a colori spenti (per ottenere magari al dimostrazione che l’equazione è sbagliata), quanto ad appurare il senso del simbolo racchiuso in questi nudi femminili. Ma qui entra in gioco la libertà della fantasia o la capacità di penetrazione psicologica entro l’area (non è una condizione indispensabile) della sensibilità contemporanea (non dimentichiamo che ogni artista è figlio del proprio tempo). E allora le risposte sono molteplici: vanno dalla distruzione o dissacrazione del mito - o, quantomeno, del suo ridimensionamento- alla raffigurazione delle forme spogliate da ogni orpello sino alla rivelazione della purezza (purezza come perentorietà di rappresentazione,persino come crudezza espressiva) del dato anatomico.
Dinanzi ai nudi femminili di Maria Pia contento,ciascuno è chiamato a dare la propria risposta. Abbiamo pensato che questa - e questa soltanto- è la ragione d’essere dell’arte.
STRALCI DI CRITICHE DI MARIANO IZZO E WALTER CAMPANI
La straordinaria avventura di Maria Pia Contento è tesa verso i più macroscopici pittori del realismo Europeo. Baccon - Plattner, danno a lei il vantaggio della strada irta e poderosa che l’aspetta. Lo spettro dell’ultima esistenza umana del XX Secolo potrà pur sempre recuperarsi se l’uomo ai grigiori delle sue sinfonie,metterà il“Cantico delle creature”.
L’Artista è stata particolarmente apprezzata dalla critica anche per il Suo arrabbiato espressionismo,naturalmente in modo minore dal pubblico meno provveduto culturalmente. Oggi il processo di Maria Pia Contento ha assunto una funzione vitale di presenza nella trattazione di tali problemi: dagli elementi statici costitutivi è passata alla dinamicità dei personali fattori artistici. Guardando oggi a questa Pittrice con attenzione, direi quasi riverente,ci accorgiamo che queste sue composizioni,pur mantenendo intatto il modo di esprimere la realtà, mettono bene a fuoco le consonanze che scindono l’uomo quale esso è, e le sue componenti di verifica.
G.B. STEPHANE REY
Ecco dunque,che il nostro ipotetico viaggio attraverso la pittura di Maria Pia Contento, partito dal colore e passato attraverso la forma e l’espressione è giunta alla sua ultima stazione: l’amore. Che è quella cosa strana e terribile eppur magnifica che non permette soltanto la perpetuazione della specie ma che dà il via e sta alla base di tutte le più alte e

nobili espressioni artistiche di tutti i tempi, che è la scintilla che ha fatto scoppiare passioni profonde e innescato sacrifici impensabili. Che è,insomma il motore principale di questo strano meccanismo che si chiama vita. E la donna è, di questo meccanismo, il pezzo principale, il più importante. Quello,per intenderci che se si rompe o si deforma può bloccare l’intero procedimento produttivo della macchina in cui è inserito. Proprio come sta accadendo con le espressioni femministe arrabbiate e violente di cui si diceva sopra.
Espressioni che non fanno parte del bagaglio naturale della donna e che sono state inserite in lei a forza snaturandone la grazia e la femminilità naturali che ogni donna ha in sé dalla nascita quale dono proprio del suo sesso. Un dono che la pittura di Maria Pia Contento può aiutarci a capire appieno sempre che, come già si diceva, non ci si contenti di fermarsi sulla soglia ma, accogliendo l’invito della sua pittura, ci si addentri, fin quasi a fondersi con essa, nelle sue figure femminili che per la loro nudità paiono indifese ma che fanno invece di questa nudità la loro arma più terribile.
ANTONIO COPPOLA
L’escalation pittorica di Maria Pia Contento si consuma nella ricerca di un contenuto purificato o spogliato dalle tante tentazioni manieristiche. La cinghia di trasmissione della Contento è data da una personale ricerca del nudo femminile, ricerca non prefissata in coniature che hanno come canone il bello personificato nelle forme. Ma l’orientamento è volto ad un attenta tendenze di linee, di volumi che occupano,fanno propri e detronizzano lo spazio circostante.
In questa sostanza di composizione della figura si muove anche la presentissima materia di impasti;abbiamo un’abbondanza di grigi che lievitano in profondità, di bianchi splendenti e scivolosi che appaiono a ciuffi, come il gioco nell’increspatura delle onde. Certo Maria Pia Contento non si è mai prefissata di cercare il “bello codificato” ma ha tirato convinta verso un’architettura figurata di personaggi scabrosi per definire una storia psicologica o quale determinismo racchiude un gruppo, una massa di gente.
Cruda composizione ove si cerca di dissacrare fino ad intaccare lo stesso timbro del suo fisico impressionismo.Maria Pia Contento spoglia ed essenzializza la figura dentro e fuori, in una ricerca, possiamo dire, di particolarità, di adti interni che sono determinati e volti a capire il senso -ove questo traspaia- delle figure nel bozzolo della propria genialità.
Troviamo questa genialità nel magnifico olio su legno del 1979, “Il capro” che racchiude, con impressionante icasticità, questo miracolo di visi stupiti che confinano l’uomo, il simbolo e il mito.
CARLO MILIC
Si richiede spesso e con insistenza alla pittura di tornare a parlare un linguaggio appagante,in grado di ridare alla tela quella suggestione narrativa, un tempo lontano legittima e auspicata necessaria per individuare,nelle arti visive, lo strumento fondamentale della comunicazione con il pubblico (ma siamo certi che non abbia ragione Ruskin con il suo “crediamo di vedere ciò che in realtà conosciamo”?). Ebbene tale appello talvolta è destinato a trovare convinta ricezione in testimonianze costrette, nell’attingere ad una realtà

più autentica e riposta a reagire,costantemente alle falsità ed alla retorica degli atteggiamenti pittorici, cari all’accadeismo o al più trito consumo “domenicale”: il grado di alienazione nei contenuti umani,che ormai consuetamente restano appiccicati all’espressività figurativa, preclude però l’innesto di molta di tale nuova linfa (logicizzata spesso nell’implorazione o nella ribellione) nel fluire della vicenda figurativa contemporanea. E tuttavia il filo della tradizione più autentica non si spezza, esiste ancora, rintracciabile, un’eredità attiva; ne sono partecipi persino improbabili “amanuensi” che reinterpretavano,di questi tempi, con estrema singolarità di personalissimi accenti, il “rinnovamento” di alcuni accertabili valori etici e ideali, racchiusi negli assunti della pittura di ieri, con forma e atteggiamento più che con passione e sentimento.
Nei casi quindi, in cui viene superato il vallo costituito dall’anonima ripetizione degli stilemi del passato, il recupero del racconto giunge di pari passo con il manifestarsi di specifiche allusioni simboliche e psicologiche, allogabili con maggior efficacia nella dimensione fertile per il verbo “polemico” piuttosto che per quello contemplativo. In tale situazione non appare essenziale che l’immagine determini verosimiglianze o ipotetiche estraneità rispetto al circostante: al contrario la sostanza si affida ad un risultato che permetta alle conclusioni di far emergere dall’ovvietà un prodotto che nella sua “moralità”solleciti riflessioni, valutazioni e perfino qualche palpito irreale di maturata cognizione critica.
Gravido di personali emozioni, di analisi permeate da toni asciutti e precisi, di concentrazione infine per evitare quel pathos nebuloso, che spesso conforta le rivelazioni figurative,è il dipingere di Maria Pia Contento che appunto s’innerva nel capitolo delle occasioni proficue in questa reazione all’inutilità del descrivere “solamente vedendo”.
“Descrivo me stessa“ sembra voler affermare la Contento, ripetendo così la convinzione di Montaigne ed infatti le sue “illustrazioni” null’altro sono se non un’apertura verso la sperimentazione del “far immagine” dei suoi interessi umani e sociali. La formulazione, attraverso una tavolozza severa, che diffonde “realtà pittoriche” in ocra e nero, definisce immediatamente delle ascendenze tematiche bene identificate, utilizzandole peraltro per esorcizzare l’appiattimento del quotidiano, sino a scavarvi dentro quelle figure di zoppi e storpi che si evidenziano come reazioni tangibili al “perfetto universo”della massificazione d’ogni giorno.
Né manca altrove, nelle tele della contento, l’accento marcato ad una malizia critica, là dove propone l’oggetto “corpo femminile”, strumento canonico di un piacere visivo che culmina in una fruizione greve e indiscriminata del tema: suggello di veridicità, carico di sottointesi, che riecheggia un velato “grido di dolore” per il sesso offeso, senza però irrazionalità, ma con arricchimenti derivanti dalla coscienza della necessità di un lungo cammino da compiere ancora per giungere ad una concreta affrancazione dal “vecchio ordine”. Così nella sensualità dei riferimenti più che dei modellati, nella trasparente rigorosità, nella definizione demistificante di un tessuto di superstizioni d’imbrogli e d’intrighi (si veda a questo proposito la tensione del “capro” goyesco), l’impegno della pittrice esorta a dare all’onesta attività pratica dell’espressione figurativa quella considerazione, che le compete, per non far fallire, ancora una volta, le utopie e per poter rientrare “al femminile” nella realtà esistente,vincendo il demoniaco subalterno e triviale